Bitcoin Surges, aggiunge 900 dollari al suo prezzo in un solo giorno

È sempre bello iniziare le cose con buone notizie, e oggi il prezzo del bitcoin ha subito un’altra forte impennata che sta facendo riacquistare a molti trader e analisti la speranza che il 2020 finisca in bellezza.

Il bitcoin torna in pista

Ultimamente, il numero uno al mondo di criptovaluta per limite di mercato sta soffrendo. Il bene ha perso più di 1.000 dollari sul prezzo nell’ultima settimana, passando da circa 19.000 dollari per unità a circa 17.900 dollari. Le cose non andavano bene e molti pensavano che il Bitcoin Rush non avrebbe più raggiunto l’obiettivo di 20.000 dollari su cui si erano concentrati tanti esperti del settore.

Ma al momento di scrivere, il bitcoin ha aggiunto quasi 1.000 dollari al suo prezzo, e una unità è ora scambiata per circa 18.800 dollari. Si tratta di un enorme salto per un singolo periodo di 24 ore, e la speranza è ancora una volta a cavallo del bitcoin che raggiunge la cifra di 20.000 dollari prima della fine di dicembre.

Questo mese è stato una sorta di gioco avanti e indietro per il bitcoin. La valuta ha inizialmente battuto il record di prezzo stabilito per la prima volta nell’ultimo mese del 2017. A quel tempo, il bitcoin era scambiato ben al di sopra dei 19.000 dollari.

Questo mese, la valuta ha raggiunto un valore di circa 400 dollari più alto, battendo così la sua vecchia quotazione. Molti pensavano che la valuta avrebbe raggiunto i 20.000 dollari nel giro di pochi giorni, anche se il picco iniziale si è rivelato troppo veloce, e l’asset è sceso di nuovo nella fascia bassa dei 19.000 dollari poco dopo.

La moneta è rimasta appesa in questo spazio per un po‘ di tempo prima di rientrare nel territorio dei 18.000 dollari, dove è rimasta per qualche giorno. Da lì, il calo nella fascia alta dei 17.000 dollari si è verificato, facendo scendere temporaneamente la fiducia della gente nel bitcoin.

Ora che le cose stanno tornando a posto per il re del cripto, ci viene ricordato per l’ennesima volta quest’anno che il bitcoin sta crescendo più resistente e maturo che mai. La moneta ha incontrato qualche piccolo calo qua e là, ma torna sempre in cima alla scala finanziaria. Questa corsa non è chiaramente la stessa di tre anni fa. Il Bitcoin è più forte che mai, e dobbiamo riconoscerlo prima di intaccare il futuro dell’asset.

La resilienza sta crescendo

Se il coronavirus fosse successo cinque anni fa, si può dire che il bitcoin ci avrebbe messo molto tempo a riprendersi, se si fosse ripreso del tutto. Quest’anno, tuttavia, il bitcoin è stato respinto per un periodo di circa due mesi prima di tornare a 9.000 dollari a maggio.

Alla fine ha colpito di nuovo un territorio a cinque cifre nel mese di luglio, e ad eccezione di un settembre un po‘ ribassista – in cui il bitcoin non è mai sceso sotto i 10.000 dollari – da allora la moneta ha goduto di un’impennata costante.

C’è una ragione per cui molte persone ora considerano il bitcoin come un potente strumento di copertura. Forse dovremmo unirci a loro e mantenere la piena fiducia nell’asset.

This entry was posted in coronavirus, Facebook. Bookmark the permalink.

Comments are closed.